Potente è la tua mano, Signore

Settimana di preghiera per l'unità dei Cristiani. La lettera dell'Ufficio diocesano per l'Ecumenismo

News

Inizia oggi e si concluderà il 25 gennaio, l'annuale iniziativa ecumenica di preghiera nel quale tutte le confessioni cristiane pregano insieme per il raggiungimento della piena unità, avviata ufficialmente dal reverendo episcopaliano Paul Wattson a Graymoor (New York) nel 1908.

Compresa tra la data della Festa della cattedra di san Pietro - oggi 22 febbraio in quanto unificata, con la riforma del calendario voluta da Giovanni XXIII, alla Festa della cattedra di Antiochia -  e quella della conversione di san Paolo, la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani  viene, dal 1968, organizzata congiuntamente dalla commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese, per protestanti e ortodossi, e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, per i cattolici.

L'Ufficio diocesano per l'Ecumenismo e il dialogo interreligioso, diretto da don Paolo di Paolo, in occasione dell'annuale e importante appuntamento, ha inviato a tutte le comunità parrocchiali una lettera con la quale ha invittato - in comunione con il vescovo Francesco Marino - all'impegno per una sensibilizzazione formativa per i catechisti, i ministri straordinari dell’Eucarestia, gli operatori della Caritas, gli animatori ed educatori dei gruppi ecclesiali presenti nelle comunità; per l’inserimento della Settimana, nel cammino pastorale della Comunità, attraverso la Celebrazione della Parola, orientando il percorso di catechesi con i temi fondativi della comunione, della ricerca dell’unità, della testimonianza dei cristiani mediante la koinōnia; per una particolare attenzione al contesto liturgico: per la Celebrazione dell’Eucarestia per l’Unità dei cristiani; per la Riconciliazione; per momenti di preghiera per i gruppi e le associazioni presenti in parrocchia". Il tutto nel contesto socio-culturale del cammino pastorale, per leggervi la realtà ecumenica.

Giovanni Paolo II, ha ricordato ancora don Paolo nella missiva, nella sua Enciclica sull’impegno ecumenico, quasi a sottolineare il senso della Settimana, afferma: "Credere in Cristo significa volere l’unità; volere l’unità significa volere la chiesa; volere la chiesa significa volere la comunione di grazia che corrisponde al disegno del Padre da tutta l’eternità. Ecco qual è il significato della preghiera di Cristo “Che tutti siano una cosa sola" (Ut unum sint, n.9).

 

Il testo della lettera

← Torna all'archivio




Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
design komunica.it | cms korallo.it.